Barbara Donnerlein

I suoi CD hanno vinto numerosi premi, tra cui il premio della critica discografica tedesca. Il suo album “Take Off” (Verve/Universal) ha raggiunto addirittura il numero 1 nelle classifiche jazz ed è stato l’album jazz tedesco più venduto dell’anno. Barbara Dennerlein, che appartiene alla ristretta cerchia di artisti tedeschi di fama internazionale, nei suoi concerti si distingue come membro di una nuova generazione di musicisti jazz, ed è considerata dai suoi coetanei e dal suo pubblico come uno dei principali virtuosi per gli strumenti che suona: il leggendario Hammond B3 e il potente organo a canne. Vedere Barbara dal vivo sul palco è sempre un’esperienza che lascia il segno. Essendo la più importante e la più affermata artista jazz tedesca, ha familiarità con i grandi palchi dei festival internazionali e con i club più intimi.

La lista dei locali in cui ha entusiasmato il pubblico è varia quanto lunga: il “Blue Note” e il “Sweet Basil” a New York, il “Ronnie Scott’s Club” e il “Jazz Café” a Londra e il “Blue Note” a Tokyo; Philadelphia, Berkley, San Jose, San Diego; i festival jazz di Montreal, Vancouver, Toronto, Edmonton e Victoria; i festival europei all’Aia, il North Sea Jazz Festival nei Paesi Bassi, il Pori Jazz Festival in Finlandia, il Molde Jazz in Norvegia, l’Arhus Jazz Festival in Danimarca, il Maastricht-Kortrijk Festival in Belgio, il Vitoria Festival de Jazz in Spagna, e i festival tedeschi a Berlino, Francoforte, Leverkusen, Norimberga, Vilshofen, Burghausen, Friburgo, Amburgo, Hannover e molti altri. Oltre alle sue innumerevoli esibizioni dal vivo, Barbara ha fatto numerose apparizioni alla radio e alla televisione nazionale e internazionale.

I suoi CD hanno vinto numerosi premi, tra cui il premio della critica discografica tedesca. Il suo album “Take Off” (Verve/Universal) ha raggiunto addirittura il numero 1 nelle classifiche jazz ed è stato l’album jazz tedesco più venduto dell’anno. Barbara Dennerlein, che appartiene alla ristretta cerchia di artisti tedeschi di fama internazionale, nei suoi concerti si distingue come membro di una nuova generazione di musicisti jazz, ed è considerata dai suoi coetanei e dal suo pubblico come uno dei principali virtuosi per gli strumenti che suona: il leggendario Hammond B3 e il potente organo a canne. Vedere Barbara dal vivo sul palco è sempre un’esperienza che lascia il segno. Essendo la più importante e la più affermata artista jazz tedesca, ha familiarità con i grandi palchi dei festival internazionali e con i club più intimi.

La lista dei locali in cui ha entusiasmato il pubblico è varia quanto lunga: il “Blue Note” e il “Sweet Basil” a New York, il “Ronnie Scott’s Club” e il “Jazz Café” a Londra e il “Blue Note” a Tokyo; Philadelphia, Berkley, San Jose, San Diego; i festival jazz di Montreal, Vancouver, Toronto, Edmonton e Victoria; i festival europei all’Aia, il North Sea Jazz Festival nei Paesi Bassi, il Pori Jazz Festival in Finlandia, il Molde Jazz in Norvegia, l’Arhus Jazz Festival in Danimarca, il Maastricht-Kortrijk Festival in Belgio, il Vitoria Festival de Jazz in Spagna, e i festival tedeschi a Berlino, Francoforte, Leverkusen, Norimberga, Vilshofen, Burghausen, Friburgo, Amburgo, Hannover e molti altri. Oltre alle sue innumerevoli esibizioni dal vivo, Barbara ha fatto numerose apparizioni alla radio e alla televisione nazionale e internazionale.