Michele Serra

La storia di Michele Serra, tra i più noti giornalisti e intellettuali italiani, si intreccia in modo attivo a quella del mondo progressista nazionale a partire dagli anni ‘70. Corsivista acuto all’Unità, dove con vicende alterne collaborerà per quasi tre decenni, è l’anima della satira politica dell’inserto Tango negli anni ‘80, con Sergio Staino direttore, che si trasformerà poi nella brillante stagione di Cuore, settimanale satirico di grande successo dagli anni ’90, nel periodo in cui scrive con Beppe Grillo il recital Buone notizie, debutto teatrale del comico genovese, che sarà diretto da Giorgio Gaber.
Dal 1996 inizia a collaborare con la Repubblica, dove oggi, oltre a essere commentatore ed editorialista, cura una rubrica fissa, L’amaca, dove descrive con garbata ironia vizi e costumi della politica e della società italiana. Per lo stesso gruppo editoriale, collabora anche a L’espresso, sul quale cura la rubrica Satira preventiva.
Nel settembre 1997 esce, dopo tre anni di lavoro, il suo primo romanzo, Il ragazzo mucca, e due mesi dopo debutta a teatro lo spettacolo Giù al Nord, scritto per Antonio Albanese, con lo stesso ed Enzo Santin. Nel 1999 è autore con altri del programma TV C’era un ragazzo, condotto da Gianni Morandi in prima serata su Raiuno.
Nel 2001 è autore con altri del programma TV 125 milioni di caz.. te, condotto da Adriano Celentano su Raiuno. Il 24 novembre del 2001 si tiene la prima di Peter Uncino, rilettura del mito di Peter Pan scritta a quattro mani con Marco Tutino per Milva e David Riondino.
Dal 2003 è autore con altri del programma di Raitre Che tempo che fa, condotto da Fabio Fazio. È autore di numerosi libri, la gran parte dei quale raccoglie una selezione dei suoi contributi su quotidiani e periodici.

La storia di Michele Serra, tra i più noti giornalisti e intellettuali italiani, si intreccia in modo attivo a quella del mondo progressista nazionale a partire dagli anni ‘70. Corsivista acuto all’Unità, dove con vicende alterne collaborerà per quasi tre decenni, è l’anima della satira politica dell’inserto Tango negli anni ‘80, con Sergio Staino direttore, che si trasformerà poi nella brillante stagione di Cuore, settimanale satirico di grande successo dagli anni ’90, nel periodo in cui scrive con Beppe Grillo il recital Buone notizie, debutto teatrale del comico genovese, che sarà diretto da Giorgio Gaber.
Dal 1996 inizia a collaborare con la Repubblica, dove oggi, oltre a essere commentatore ed editorialista, cura una rubrica fissa, L’amaca, dove descrive con garbata ironia vizi e costumi della politica e della società italiana. Per lo stesso gruppo editoriale, collabora anche a L’espresso, sul quale cura la rubrica Satira preventiva.
Nel settembre 1997 esce, dopo tre anni di lavoro, il suo primo romanzo, Il ragazzo mucca, e due mesi dopo debutta a teatro lo spettacolo Giù al Nord, scritto per Antonio Albanese, con lo stesso ed Enzo Santin. Nel 1999 è autore con altri del programma TV C’era un ragazzo, condotto da Gianni Morandi in prima serata su Raiuno.
Nel 2001 è autore con altri del programma TV 125 milioni di caz.. te, condotto da Adriano Celentano su Raiuno. Il 24 novembre del 2001 si tiene la prima di Peter Uncino, rilettura del mito di Peter Pan scritta a quattro mani con Marco Tutino per Milva e David Riondino.
Dal 2003 è autore con altri del programma di Raitre Che tempo che fa, condotto da Fabio Fazio. È autore di numerosi libri, la gran parte dei quale raccoglie una selezione dei suoi contributi su quotidiani e periodici.